diario di fine ottobre – inizio novembre

Quando gli ortisti (e il meteo) sono generosi, gli orti rispondono con generosità: abbiamo lavorato in tanti, rallegrati da un autunno radioso, e abbiamo raccolto molto.

Attività

Anche degli ottimi e abbondanti peperoni friarielli verdi,di cui la nostra socia Maria Chiara ci ha prontamente mandato la foto in padella. Ed ecco qui allora un link per un po’ di ricette a base di “friggitelli”:
http://www.greenme.it/mangiare/vegetariano-a-vegano/14369-friggitelli-friarelli-ricette-veg
(A proposito di ricette : vogliamo aprire una rubrica di ricette di verdure sul nostro blog, far circolare le specialità e le tradizioni .inviatecene a info@parcosegantini.it, se con foto… meglio!)

• Abbiamo incominciato a realizzare anche il terzo orto. Non è che lo avessimo voluto trascurare, è solo che finora siamo stati impegnati a fare i primi due. Questo sarà un orto degli aromi, e la notizia di questo progetto sta volando in giro per la città, suscitando grande interesse per le sue attitudini “meditative”.

Novembre ci ha regalo due weekend più primaverili che autunnali. Grande attività, grande partecipazione, grandi raccolti.

Settimane più primaverili che autunnali. Grande attività, grande partecipazione, grandi raccolti. Ed arrivata anche la prima compostiera.

Orti e alunni

Pienamente ripresa anche la frequentazione degli orti da parte degli alunni delle elementari Brunacci e Villoresi.

Coloratissimi ed entusiasti, i bambini delle primarie imparano i segreti della terra nelle prose a loro riservate. Un appuntamento  gioioso per il parco.

Coloratissimi ed entusiasti, i bambini delle primarie imparano i segreti della terra nelle prose a loro riservate. Un appuntamento gioioso per il parco.

Sicurezza e Rispetto delle regole 

Ce n’è voluto del bello e del buono, ma alla fine siamo riusciti a mobilitare siale Guardie Ecologiche Volontarie sia la polizia urbana a “prendere in carico” il parco, e cioè a programmare giri quotidiani di sorveglianza, per correggere e sanzionare comportamenti scorretti (cani incontrollati e motorini parcheggiati sul viale dei Tigli sono i casi più frequenti) e per verificare lo stato della sicurezza, gli abusi, le attività illecite.
Alla fine della settimana scorsa abbiamo accompagnato i vigili in un primo giro di ricognizione in cui abbiamo potuto illustrare le maggiori criticità: fra queste l’occupazione della Casetta del Custode (e anche della Cascina).

Però ricordiamoci tutti che rispetto delle regole e sicurezza dipendono anche da ciascuno di noi, e facciamo in modo che almeno noi soci e simpatizzanti dell’Associazione teniamo comportamenti esemplari, da un lato, e siamo tutti impegnati a contrastare, segnalare e documentare i comportamenti scorretti o peggio ancora delittuosi: per questo si può fare riferimento  all’Associazione, all’interno della quale  un gruppo di persone si occupa prevalentemente di questoambito , interloquendo con le autorità e le forze dell’ordine.

Le segnalazioni (meglio se documentate anche con foto) che arrivano a info@parcosegantini.it, arrivano a chi di dovere prima e in modo più efficace.